​​​​Diocesi di Cefalù | Cephaludensis Ecclesia

 

​​Piazza Duomo, 10 - ​90015 Cefalù (PA)

tel. 0921 926311 | fax 0921 926322

​email segreteriagenerale@diocesidicefalu.org   

 

foto  ©​ archivio Varzi - per gentile concessione


facebook
youtube
instagram
cattedraleLogo
logobi
icona
Logo-CEI1-300x225
chiesedisiciclia
1200px-Logotv20002015.svg
8x1000
66Y1Ma3Y400x400.jpeg
fatesi
c91b686608ffad587329ad2f3ab3c1e6400x400.jpeg

"Chi cerca il volto di Cristo, alzi lo sguardo in alto"

iscriviti alla newsletter  | privacy policy

Logoesatto

 

Organismi Sinodali | Collegio dei Consultori

 

costituito con decreto del 15.09.2015

            statuto          membri         convocazione       verbali

 

Costituzione. Il can. 502 del Codice prescrive la costituzione in ogni diocesi di un organo consultivo per coadiuvare il vescovo nel governo pastorale: il collegio dei consultori.

 

Il collegio dei consultori è composto da un gruppo di sacerdoti, in numero non minore di sei e non maggiore di dodici, scelti liberamente dal vescovo fra i membri del consiglio presbiterale, i quali costituiscono per un quinquennio il collegio dei consultori, con i compiti determinati dal diritto.

 

Il collegio dei consultori è presieduto dal vescovo diocesano, o da chi ne fa le veci in caso di sede impedita o vacante (can. 502). I membri del collegio mantengono la carica anche nel caso in cui venga meno la loro appartenenza al consiglio presbiterale.

 

Il collegio ha sempre bisogno di un minimo di sei consultori per risultare costituito e per agire secondo diritto: il vescovo deve effettuare nuove nomine nel caso che venga meno il numero minimo previsto dal canone. I membri sono designati per cinque anni, prorogabili.

 

Il collegio dei consultori non cessa i suoi compiti, quando la sede diviene vacante, in aggiunta svolge quelli propri del consiglio presbiterale.​ Al collegio dei consultori spetta consigliare obbligatoriamente il vescovo prima del compimento di atti giuridici di particolare rilevanza. A volte il parere ha carattere vincolante. Il collegio esercita anche ruoli di controllo e di governo immediato.

 

Il collegio dei consultori:

 

a) garantisce il regime di governo diocesano, assumendo provvisoriamente la guida della diocesi nella vacanza della sede (can. 419); procede alla elezione dell’amministratore diocesano (can. 421 § 1); interviene nella riunione o nella presa di possesso dell’ufficio preposto al governo diocesano (cann. 382 § 3; 404 §§ 1.3; 421) e nella designazione dell’economo della diocesi (can. 494 § 1); interviene con parere vincolante durante la sede vacante per la rimozione degli uffici della curia (can. 485);

 

b) tutela l’identità del presbiterio diocesano durante la sede vacante, dando parere vincolante all’incardinazione o all’escardinazione dei chierici (cann. 272; 1018 § 1,2);

 

c)  tutela il patrimonio diocesano nei casi di amministrazione straordinaria e nelle alienazioni con parere vincolante sugli atti del vescovo in materia (can. 1277; 1292 § 1).​

Web agency - Creazione siti web Catania