The diocese of Cefalù

Piazza Duomo, 10 - 90015 Cefalù (PA)

Tel. 0921 926311

segreteria@diocesidicefalu.org

segreteriagenerale@diocesidicefalu.org

"Those who seek the face of Christ, you look up at the top"

cattedraleLogo
logobi
icona
Logo-CEI1-300x225
chiesedisiciclia
1200px-Logotv20002015.svg
c91b686608ffad587329ad2f3ab3c1e6400x400.jpeg
fatesi
66Y1Ma3Y400x400.jpeg
8x1000
19/12/2018, 11:10



Rifiuti:-convenzione-dei-vescovi-con-la-Regione-Sicilia,-le-parrocchie-potranno-diventare-centri-di-eco-raccolta


 





La raccolta differenziata coinvolge le parrocchie di Sicilia che potranno diventare centri di eco-raccolta di rifiuti riciclabili. È quanto è stato deciso oggi, con la firma di una convenzione tra la Conferenza episcopale siciliana e la Regione siciliana relativa al progetto "Opifici di pace", finalizzato all’educazione dei cittadini e al miglioramento qualitativo e quantitativo della raccolta differenziata. A siglare il documento sono stati mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e presidente della Cesi, e Alberto Pierobon, assessore per l’Energia e ai Servizi di Pubblica utilità della Regione Siciliana. "Opifici di pace è soprattutto una iniziativa educativa: Papa Francesco nella Laudato si’ ci parla di una cittadinanza ecologica - spiega mons. Gristina - che significa partecipazione attiva della gente, in qualità di cittadini, operando in favore dell’ambiente. A noi è chiesto di educare gli uomini al rispetto e all’amore per questa nostra terra, e alla responsabilità dell’abitarla". Per mons. Giuseppe Marciante, vescovo di Cefalù e delegato Cesi per i problemi sociali, "l’adesione al progetto ha notevoli benefici: per i cittadini che conferiranno in parrocchia carta e cartone, vetro, alluminio e plastica ci sarà uno sconto sulla tassa dei rifiuti e per il Comune che risparmierà sui costi relativi alle discariche. Il contributo che si ottiene nel conferire materiali a fine ciclo a chi li trasformerà - continua - arriverà direttamente alle parrocchie, che potranno investirli nel proprio territorio di riferimento in attività sociali, culturali, pastorali. E, se aumenta il materiale da riciclare che arriva in filiera, anche l’industria che lo rinnoverà avrà nuovo sviluppo e potrà offrire sbocchi lavorativi".Il progetto, che è già stato avviato in via sperimentale a Caltanissetta, presso la parrocchia San Luca Evangelista, potrà essere realizzato dalle 1797 parrocchie delle 18 diocesi della Sicilia, "ma anche da associazioni non cattoliche e realtà laiche. L’Ufficio regionale per i Problemi sociali, il Lavoro e la Salvaguardia del creato della Cesi - dice mons. Marciante al Sir - si attiverà con incaricati in tutte le diocesi per informare parrocchie, enti e cittadini e attivare le procedure per aderire ad Opifici di pace". Rispondendo, infatti, a una precisa richiesta della Regione siciliana, la Cassa Depositi e Prestiti ha già fornito la documentazione per presentare le richieste del relativo finanziamento nel rispetto delle condizioni contrattuali in vigore.


1
Create a website